Casi clinici

I più grandi nomi dell'odontoiatria francese e americana hanno collaborato con ITENA Clinical per presentare e illustrare le prestazioni dei prodotti in casi clinici complessi.

Come controllare la stratificazione?

Grazie al costante progresso dei materiali compositi e delle tecniche di adesione, ora possiamo offrire restauri estetici affidabili.

Oggi, il restauro composito è diventato la migliore alternativa ai materiali a base di leghe. Sempre più pazienti rifiutano ogni nuovo riempimento di metallo e alcuni addirittura chiedono la sostituzione della loro vecchia amalgama con altri materiali estetici.

Per questo, un po 'di rigore è essenziale: scegliere bene il suo composito, utilizzare una tecnica di stratificazione che permetta di dirigere il ritiro della polimerizzazione, ridurre al minimo lo stress della polimerizzazione, ricostruire un punto di contatto e una perfetta anatomia occlusale.


Trasformazione di un canino in incivo per stratificazione in un caso di agenesia di 12

Il motivo della consultazione è il disagio estetico causato dalla morfologia del 13 nel sito di 12, e la significativa asimmetria del sorriso (Figg. 1 e 2). Data la giovane età del paziente, ci rivolgiamo a una soluzione terapeutica che favorisce la conservazione dei tessuti. Questo è il trucco nella tecnica diretta di 13 su 12 con l'aggiunta di composito.


I perni in fibra DENTOCLIC : La soluzione per l'ancoraggio corono-radicolare ideale per restauri estetici di qualità

L’assenza di metallo all’interno della ricostruzione assicura un’eccellente integrazione biologica ed estetica dei perni in fibra.

Una perdita importante di tessuto dentale, per carie o frattura, può rendere necessario un trattamento endodontico.
Quando la perdita di tessuto coronale è troppo estesa, per aumentare la ritenzione spesso è necessario aggiungere
un ancoraggio radicolare. L’utilizzo di perni in fibra di vetro rappresenta un sistema meno invasivo e più rispettoso
della dentina rispetto ad un perno moncone metallico. L’assenza di metallo all’interno della ricostruzione assicura
un’eccellente integrazione biologica ed estetica dei perni in fibra.


Vantaggi nell'utilizzo di una scala colori personalizzata REFLECTYS per il successo di un composito anteriore

Articolo ID - 27 giugno 2018

La scelta del colore nello studio dentistico è una sfida quotidiana. Questo è un passo importante, anche decisivo, responsabile del risultato ottico finale del restauro. Oggigiorno, stiamo cercando di avvicinarci alla scala colori Vitapan Classical che rappresenta il gold standard.

In questo contesto che volevamo:
- come primo passo, proporre una scala colori personalizzata per lo studio Reflectys (ITENA Clinical);
- in una seconda fase, studiare la corrispondenza delle diverse tonalità ottenute nelle resine composite con la scala colori Vitapan Classical.

Questo ci ha permesso di presentare combinazioni di smalto-dentina legate a questa corrispondenza e di proporre associazioni che qualsiasi professionista potrebbe usare.
Per illustrare questo approccio, presentiamo un caso clinico fatto facendo riferimento alle associazioni della scala colori personalizzata Reflectys (ITENA Clinical) ottenuta.


Un caso clinico che richiede Reflectys

Articolo - Dr Marco Morello

La rilevazione della tinta nello studio dentistico costituisce una fase fondamentale necessaria alla riuscita della ricostruzione in resina composita.


Trattamento di una recessione su un singolo elemento mandibolare

DENTAL FOCUS articolo - Novembre 2018 - Dr Emilie BORDET

Una paziente di 25 anni, in buono stato di salute generale, non fumatrice, si presenta al consulto per una recessione
progressiva vestibolare di 3.1. I tessuti intorno al dente sono infiammati a causa della presenza di depositi di
placca e tartaro. Il parodonto è sottile e festonato.